Stefano Cucchi

Ci sono almeno tre ministri coinvolti nella vicenda di Stefano Cucchi: Alfano (giustizia), Maroni (interni) e La Russa (difesa). Stefano, 31 anni, è stato arrestato a Roma la sera del 15 ottobre 2009, perché trovato in possesso di stupefacenti. E’ deceduto all’ospedale S. Pertini il 22 ottobre. Nessuno dei tre ministri chiamati in causa dalle dinamiche di questa morte sono apparsi di fronte a un giornalista pubblico o privato per cercare di dare spiegazioni, per assumersi la responsabilità. Soltanto Alfano è andato a riferire in Parlamento, oggi 3 novembre, per sostenere che è stato Stefano stesso a non voler informare la famiglia delle condizioni in cui versava. Perché il ministro Alfano, e gli altri, non spiegano in tv quello che il Ministro della Giustizia ha affermato in parlamento? Sarebbe interessante assistere ad un dialogo come quello trasmesso dalla BBC il 29 ottobre. In quell’occasione, il celebre conduttore della trasmissione Newsnight, Jeremy Paxman, ha intervistato il Ministro della Difesa dela Regno Unito, Bob Ainsworth circa la morte di 14 militari britannici avvenuta nel 2006 in un incidene aereo (Nimrod) in Afghanistan dovuto a scelte precise del Governo di allora di ridurre il budget dedicato alla sicurezza e navigabilità aerea.

Le responsabilità e le circostanze, tra il caso di Stefano e quelle dell’incidente aereo della RAF in Afghanistan sono ovviamente diverse. Ciononostante, un’intervista simile anche in Italia aiuterebbe. Ecco il video e la trascrizione in italiano delle domande rivolte al ministro britannico:

Londra, 29 ottobre 2009
Ministro Bob Ainsworth
: Ci sono alcune critiche molto pensanti e giustificabili del sistema che operava nell’ambito del Ministero della Difesa (MD). Noi sapevamo che sarebbe successo, non ne conoscevamo i dettagli, né che portata avrebbe avuto, ma abbiamo commissionato questo studio per trovare i temi punti importanti di cui dobbiamo occuparci. Ci siamo scusati con le famiglie di coloro che hanno perso la vita in questo incidente. Lo abbiamo fatto…. E l’ho ripetuto oggi. Dobbiamo assicurarci che alla fine di questa inchiesta trarremmo tutte le lezioni che dobbiamo trarre.

Jeremy Paxman: Signor Ministro, questa situazione si è verificata a seguito di decisioni prese dal suo governo. L’inchiesta dice che « in conseguenza delle vostre decisioni questa organizzazione, in stato di trauma organizzativo ».

M: Jeremy, è chiaro che le efficienze sono state cercate nelle parti DNS del MD e che quelle ineffficienze sono state ingorate mentre invece avrebbero dovuto essere la priorità. Non discuto su questo. E’ un problema che devo risolvere.

P: Lei accetta che come conseguenza delle decisioni prese da questo governo, si sia verificato un allontanamento dalla cultura di sicurezza e navigabilità?

M: Non credo che nessuno discuta su questo in principio, sul fatto che dobbiamo sempre cercare la massima efficienza. Siamo criticati per tanti altri settori, sempre per inefficienza, ma ciò che è chiaramente accaduto è che la priorità che doveva essere data alla navigabilità non è stata data. Questo è inaccettabile. L’inchiesta sostiene questo e lo sostengo anch’io. Dobbiamo leggere attentamente l’esito dell’inchiesta e fare in modo che ciò non si ripeta.

P: Lei quindi accetta che questi 14 uomini sono morti come conseguenza diretta delle politiche attuate dal suo governo.

M : Ci scusiamo per le vie che sono state perse e ci assumiamo il biasimo in quanto MD per l’incidente accaduto al Nimrod. L’ho detto due anni fa e lo ripeto oggi. Siamo tremendamente spiacenti per coloro che sono morti. E’ chiaro ora e lo era allora, anche agli inquirenti, che la responsabilità ricade in gran parte sul MD.

P: Sig. Ministro, quante persone sono state licenziate a seguito di questa catastrofe ?

M: Ci sono alcune persone che sono state pesantemente criticati nel rapporto. E’ stato affidato loro un altro incarico. Anche gli altri due, membri della RAF, sono molto criticati. La RAF stessa studierà il rapporto e agirà secondo il suo regolamento.

P: C’è qualcuno che ha perso il lavoro, dopo che questi giovani uomini hanno perso la loro vita ?

M: Ci occuperemo delle persone che sono criticate secondo le regole.

P: Cosa significa ?

M: Jeremy, io non mi occupo di questo tipo di decisioni, perché spettano al personale militare. Sarà la RAF ad occuparsene immediatamente. Le persone in questione che lavorano per noi sono membri della RAF.

P: E come ha già ammesso, che quel che è successo, è stata una conseguenza diretta di politiche attuate dal suo governo, dovrebbe saltare anche qualche testa a livello politico e dovrebbe essere la sua, no?

M: Ci sono state alcune efficienze inserite nel MD. Non penso, come ho già detto, che qualcuno dica che non sono necessarie. Ma il modo in cui sono state perseguite ha significato che tali efficienze sono state ricercate al costo della priorità che avrebbe dovuto ricevere la navigabilità. E’ questo il problema da risolvere, ed è per questo che gli inquirenti sono determinati a trovare a seguito della perdita di vite. Ed è quel che voglio anch’io.

P: Non è un requisito assoluto che lei, come capo del ministero che ha attuato queste decisioni che ha causato la morte di quei ragazzi, si dimetta?

M: Jeremy, ho letto il rapporto, ci ho passato quasi tutta la notte a leggerlo e credo che la mia responsabilità consista nell’assicurarmi che le raccomandazioni contenute in questo rapporto siano messe in pratica rapidamente e intergralmente.

P: Ma né lei, né nessun altro si dimetterà..

M: Beh, credo di averti detto in cosa consista la mia responsabilità. Ho letto il rapporto e abbiamo già iniziato a fare molti cambiamenti nel MD a seguito di questo incidente del 2006. Come dimostra il rapporto, mi sembra chiaro che non abbiamo fatto ancora abbastanza ed è quel che dobbiamo fare.

P: Grazie.

Jeremy Paxman in his Newsnight studio

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s